Shabby Chic: il raffinato stile d’arredamento che conquista

Lo stile Shabby Chic, uno dei più in voga del momento, permette sia di riciclare gli oggetti del passato, dando una nuova anima in chiave moderna a qualcosa di datato, che di effettuare molti di questi lavori con il metodo del “fai da te”, e di rendere maggiormente luminosa la vostra casa, con un pizzico di fantasia e creatività.

Il termine Shabby Chic; la sua etimologia

Questo stile in effetti nasce da un “ossimoro” dietro il quale si nasconde. La traduzione letterale del termine è infatti “elegante trasandatezza” accostando dunque due parole di significato estremamente diverso. Lo Shabby Chic è uno stile che porta alla mente un’atmosfera vintage, quasi malinconica, e nello stesso tempo minuziosamente retrò; uno stile nel quale tutto sembra esistere in una perfetta armonia. Si è diffuso inizialmente nei paesaggi di campagna del Regno Unito portando alla ribalta la memoria delle case di campagna dell’epoca della regina Vittoria, quando la rivista The World of Interiors lo conia facendolo conoscere al mondo negli anni 80’. In seguito lo stile, anche grazie alla creazione di una società con lo stesso nome da parte di Rachel Ashwll, designer della capitale britannica, si espande in maniera importante in tutti i paesi europei e già nel corso degli anni 90’ è ormai uno stile di tendenza. La tecnica per realizzare dei mobili secondo lo stile Shabby Chic prevede un invecchiamento sia delle suppellettili che si trovano nelle case che dei mobili, dai risultati sorprendenti. Le parvenze che questo stile riesce a dare alle case fanno sì che diventino dei veri e propri gioielli. I componenti di arredo che fungono da punto di partenza sono di varie epoche, le più disparate, in quanto dopo l’invecchiamento lo stile di ogni pezzo sarà unico. I colori più usati per questo stile sono quelli pastello, e i materiali che si sposano meglio con i mobili sono il legno, il vetro ed il ferro battuto. Per quanto riguarda i tessuti da abbinare ai componenti d’arredo in stile Shabby Chic, i più ricercati sono il cotone ed il lino, meglio se ricamati, ed il pizzo con merletti.

Lo Shabby Chic ed il “fai da te”

Come detto, questo stile si presta molto bene per mettere alla prova il vostro istinto creativo. I componenti di arredo che si trasformano meglio in questo stile sono quelli che presentano molte lavorazioni, con una grande ricchezza di ghirigori ed intarsi. Il colore migliore per effettuare questa trasformazione è il bianco, che permette di avere anche una maggiore luminosità nelle varie stanze. Molto importante durante questa operazione è dare visibilità in trasparenza alla polverosità. Lo scopo finale del fai da te per realizzare un mobile in stile Shabby Chic è infatti quello di dare all’ambiente una sensazione che mette insieme leggerezza e morbidezza. Per questo si suggerisce di visitare i mercatini dell’usato che si trovano ormai in moltissimi borghi e città per acquistare mobili “dimenticati” ma ideali per la trasformazione.

Shabby Chic: il raffinato stile d’arredamento che conquista ultima modifica: 2019-11-18T11:53:35+01:00 da Arredamenti Bleve

Arredamenti Bleve