Smart e di design: arrediamo l’ingresso così

L’ingresso di una casa è come un biglietto da visita, è il preludio a quello che sarà il resto dell’arredamento, è il primo contatto che dà il benvenuto agli ospiti ed è la prima impressione che questi ultimi hanno di te e della tua abitazione. Per tutti questi motivi non va certo trascurato il suo aspetto, così come l’ordine e la funzionalità.

Come neutralizzare l’anonimato di un ingresso

Questa è una delle parti della casa più difficile da progettare e arredare e gli elementi da non sottovalutare sono sicuramente le luci e in generale una sobria leggerezza. Solitamente l’ingresso è un ambiente piccolo che quindi non va sovraccaricato di luci e mobili, meglio invece farlo apparire elegante, semplice, leggero, un piccolo annuncio di quello che ci si dovrà aspettare all’interno.

L’ingresso deve svelare quel tanto che basta gli indizi che troveranno la loro espressione negli ambienti veri e propri della casa. Bastano poche idee, ma originali ed essenziali, piccole decorazioni appena evidenziate, per riuscire a ricreare un locale accogliente e unico, magari arricchito di elementi vintage.

Linee guida da seguire

Un ingresso deve contenere non solo la quantità di luci e mobili, ma anche quella dei colori. Non esagerare deve essere necessariamente la parola d’ordine quando si parla dell’arredamento di un ingresso. Non esagerare con l’arredamento, con i colori, con le luci, piuttosto tenere in considerazione i reali spazi che si hanno a disposizione, cercando lo stesso stile del resto della casa e la funzionalità, rappresentata da arredi che siano al tempo stesso anche contenitori.

Perché alla fine l’ingresso è quel luogo di passaggio dove inevitabilmente si lascia qualcosa una volta entrati, che sia un ombrello, uno zaino, un paio di scarpe o una valigia, tutti oggetti ai quali va trovata la giusta collocazione.

Le dimensioni di un ingresso

Inutile sottolineare quanto l’arredo di questo ambiente dipenda in larga parte dalle sue dimensioni. Un ingresso molto piccolo non va appesantito da mobili che finirebbero per rubare ulteriore spazio e ingombrare. Basta uno specchio, utile per far sembrare la stanza più grande, una consolle porta oggetti ed eventualmente pochi elementi a vista.

Una scultura inserita in un ingresso grande e luminoso, regala alla casa quel tocco di ricercatezza in più, se poi è open space un armadio incassato nel muro dona ordine e semplicità, e soprattutto conduce lo sguardo di chi entra verso altri elementi della casa, come ad esempio la zona living o la cucina, a seconda della loro disposizione.

Smart e di design: arrediamo l’ingresso così ultima modifica: 2020-06-09T12:47:01+02:00 da Arredamenti Bleve

Arredamenti Bleve