Arredare vintage: idee e spunti per dare alla propria casa un tocco retrò

Una delle ultime tendenze in fatto di arredamento è lo stile vintage, che permette di dare al proprio appartamento un tocco “retrò” facendo rivivere il passato, sia quello più vicino che quello lontano. Questo stile, che mette insieme gusto e ricercatezza dei particolari, non prevede di mischiare tra di loro arredamenti anni 20 – 50 e 70, ma di scegliere quello che maggiormente corrisponde al proprio gusto e declinarlo nell’appartamento. Ecco qualche idea e consiglio utile.

Avere cura dei dettagli

Il primo passo, come detto, è quello di scegliere qual è il nostro stile vintage preferito. Chi preferisce il vintage anni ‘20 sarà certamente innamorato degli elementi che hanno caratterizzato l’Art decò, come ad esempio dei complementi d’arredo realizzati in ferro battuto. Chi invece preferisce virare sullo stile degli anni ’50 avrà come punti di riferimento le stampe con protagoniste le pin-up, mentre chi ama gli anni ’70 ed il loro stile rivoluzionario, avrà come preferenze lo stile psichedelico e le stampe optical.

Lo stile vintage e i colori

Quando si sceglie di rinnovare la propria casa con uno stile vintage si deve fare molta attenzione all’utilizzo dei colori. Tinteggiare le pareti con il colore giusto è il punto di partenza irrinunciabile per poter poi arredare con complementi adeguati. Chi intende arredare secondo il vintage anni ’20 potrà tinteggiare le pareti con colori neutri o bianco e nero, mentre chi si vuole ispirare al vintage anni ’50 potrà scegliere dei colori in tonalità pastello, dal rosa all’azzurro, passando per il verde chiaro, tutti colori molto in voga in quel periodo. Infine, per chi si vuole ispirare agli anni ’70 la scelta migliore è quella di colori vivaci, passando dall’arancione al fucsia e in alternativa alla carta da parati “optical”.

Visitare i mercatini

Dopo la tinteggiatura delle pareti, il passo successivo è quello dell’acquisto dei mobili e per questa fase può essere molto interessante visitare i mercatini che si trovano ormai in tutte le città italiane e che propongono dei mobili usati molto particolari e a prezzi contenuti. Un’alternativa è quella di visitare dei siti online, anche se la mancata possibilità di valutare questi pezzi da vicino può essere un ostacolo. In alcuni casi si possono trovare dei complementi d’arredo da sistemare, soluzione ideale per gli amanti del “fai da te” e senza dubbio ancor più economica. Lasciatevi poi guidare dall’estro e provate il riciclo creativo, trasformando ad esempio un annaffiatoio di latta in un simpatico vaso da fiori, oppure un vecchio sgabello in legno in un tavolino. Una soluzione di riciclo vale anche per le vecchie valigie che possono trasformarsi in contenitore dove sistemare dei dischi in vinile oppure sciarpe, scialli ed altri accessori di abbigliamento, e per vecchi stampini usati per i budini che possono divenire dei paralumi.

Arredare vintage: idee e spunti per dare alla propria casa un tocco retrò ultima modifica: 2019-05-20T11:47:14+02:00 da Vito

Vito

Vito, da sempre appasionato di arredamento e 3D. Cerca di unire le due passioni per presentare un prodotto su misura. Scrive da ormai 5 anni sul blog.