Un giardino zen in salotto: l’arte del bonseki

Realizzare un giardino zen bonseki in salotto è un’espediente decisamente rilassante e capace di regalare concentrazione e di svuotare la mente dalle ansie e dalle fatiche di ogni giorno. Tra l’altro, e la cosa certo non guasta, questo tocco d’Oriente regala al soggiorno un’indiscutibile e raffinata eleganza e un pizzico di minimalista e sobria originalità. Non tutti, però, sanno di cosa si tratti e vale quindi la pena spendere due parole in merito. Il giardino zen bonseki è la versione da tavolo di un giardino secco giapponese. Naturalmente è in miniatura e può essere interpretato come una composizione scultorea che evoca i meditativi giardini giapponesi. Si tratta di una soluzione davvero ricercata per trasportare un po’ di Sol Levante sul tavolino del soggiorno di casa.

Come vengono realizzati i Bonseki

I Bonseki vengono solitamente realizzati su dei vassoi laccati, preferibilmente neri o marrone scuro, che vengono ricoperti di sabbia bianca o ghiaia e di piccole rocce e pietre, proprio come avviene nei giardini zen veri e propri. In pratica si tratta di un paesaggio naturalistico, di un giardino stilizzato in miniatura in cui la sabbia o la ghiaia evocano il mare, i sassi e le rocce ricordano le montagne e piccoli pezzi di muschio rappresentano la vegetazione. In alcuni casi possono comparire anche piume, fili di paglia o piccoli elementi che riportano all’arredo outdoor.

Giardini zen: forme e misure diverse ma sempre eleganti

I bonseki in salotto diventano dei veri e propri elementi d’arredo, in grado di trasformarsi nel punto focale di ogni ambiente. Prendersi cura di questi giardini zen miniaturizzati non comporta eccessive difficoltà dal momento che si tratta di giardini secchi. Utilizzando piccoli rastrelli oppure piume e ramoscelli si creano le righe che evocano il movimento della sabbia. Esistono diverse tipologie di giardini zen bonseki, che variano sia per forma che per dimensioni. Circolari, rettangolari, ovali o di forme più singolari e complesse, hanno misure che vanno dai 30 centimetri per quelli più piccoli per arrivare a quelli di misure più grandi, intorno ai 200 x 150 centimetri. Indipendentemente da tutte le variabili del caso, un giardino zen bonseki posato sul tavolino in salotto mantiene sempre alta la sua funzione di ricercatezza e di eleganza. Ogni materiale, ogni accostamento, assume nella tradizione giapponese uno specifico significato filosofico e simbolico e offre la possibilità di rilassarsi e di favorire la meditazione e la contemplazione.

Un giardino zen in salotto: l’arte del bonseki ultima modifica: 2020-04-17T18:45:04+02:00 da Arredamenti Bleve

Arredamenti Bleve