Si riceve su appuntamento Tel. 0833 533206 Lun-Ven 09.00-13.00 16.30-20.30 Sab 09.00-13.00

Muffa in casa: come intervenire

Può capitare che su alcune pareti della casa, specialmente in cucina o nel bagno, si formino delle chiazze di color nero, grigiastre o tendenti al giallo. Si tratta senza ombra di dubbio di muffa. Oltre ad essere antiestetica, la muffa può provocare danni alla salute, ed è per questo motivo che non basta solo eliminarla, ma occorre scoprirne la causa, in modo da evitare che possa riformarsi.

Possibili cause: ambienti troppo umidi e cattive abitudini

La muffa non è altro che un fungo che si sviluppa in ambienti particolarmente umidi. Ecco perché è facile trovarla nei bagni, in cucina o in tutti gli ambienti esposti a nord, dove il sole non arriva mai.
Solitamente si forma a causa di una scarsa aerazione dei locali, perché si cucina senza accendere la ventola o ancora perché si ha la cattiva abitudine di stendere i panni dentro casa. Ma attenzione, perché la causa può essere anche un cattivo isolamento termico delle pareti.

Come eliminare la muffa

Eliminare la muffa è abbastanza semplice. Si può scegliere tra l’usare un prodotto chimico antimuffa da spruzzare direttamente sulle pareti, che si trova facilmente in commercio, oppure usare dei metodi naturali, realizzando un antimuffa fai da te con acqua, sale, bicarbonato e acqua ossigenata. Basta versare in un contenitore 700ml d’acqua, 2 cucchiai di bicarbonato, 2 di acqua ossigenata e 2 cucchiai di sale fino, si mescola il tutto e si versa in una spruzzino. Non resta che spruzzare il prodotto sulla muffa, lasciare agire alcuni minuti e poi eliminare la muffa con una spugnetta.

Come evitare che possa riformarsi la muffa sulle pareti

Eliminare la muffa non basta, occorre fare qualcosa per evitare che si riformi. La prima cosa da fare è arieggiare spesso le stanze e, se fuori è troppo umido, dotare la casa di deumidificatori in modo che assorbano l’umidità in eccesso. In commercio ne esistono di diversi tipi, molti dei quali possono formare dei veri e propri complementi d’arredo.
Molto importante è tenere sotto controllo la temperatura dei termosifoni, perché è proprio il forte sbalzo termico che contribuisce alla formazione dell’umidità.

Prendere in considerazione di coibentare le pareti

Nel caso in cui l’umidità dipenda da una carenza strutturale delle pareti, oppure dipenda da infiltrazioni d’acqua, il consiglio è quello di rivolgersi ad un esperto del settore che possa valutare gli interventi necessari. Eliminare le infiltrazioni e perdite d’acqua, o optare per l’eventuale applicazione di un capotto termico alle pareti, è spesso l’unica soluzione per eliminare definitivamente la questione muffa.

Muffa in casa: come intervenire ultima modifica: 2022-06-27T11:39:08+02:00 da Vito

Vito

Vito, da sempre appassionato di arredamento e 3D. Cerca di unire le due passioni per presentare un prodotto su misura. Scrive da ormai 5 anni sul blog.