Come Conservare i Tappeti durante l’Estate

Con l’arrivo delle stagioni calde, con le giornate che si allungano, spesso, si manifesta il bisogno di apportare alcune piccole modifiche all’arredamento della propria casa.

Il procedere con il cambio dei tendaggi, ad esempio, si rivela un’operazione semplice, poco faticosa e veloce per donare un’aria più leggera a un ambiente casalingo.

Un altro metodo, altrettanto facile e immediato, per cambiare aspetto alle varie stanze dell’edificio, consiste nel riporre via i tappeti che donano atmosfere più calde e invernali.

La cura dei tappeti è un’operazione importante durante tutto l’anno, al fine di preservarne i colori e la tessitura; ma, in particolar modo, è indispensabile prestarvi attenzione.

I consigli delle nonne bandiscono completamente l’utilizzo di qualsiasi apparecchiatura elettrica, che siano esse lavatrici, ma anche le comode aspirapolvere: il rimedio meno invasivo, ma al contempo, più efficace consiste nell’ utilizzo della vecchia e intramontabile scopa di saggina.

Per eliminare le tracce di macchie superficiali, oltre che i batteri, e ravvivare i colori, è sufficiente vaporizzare sul tappeto una soluzione composta da acqua tiepida e aceto di mele, in parti uguali. Tramite l’impiego della suddetta scopa è indispensabile sfregare il tessuto, eliminando così gli antiestetici residui di polvere.

Per coloro che, invece, preferiscono utilizzare la più moderna e comoda aspirapolvere i rimedi per pulire, al fine di riporre e conservare i tappeti in vista della stagione estiva, sono molteplici.

L’utilizzo del bicarbonato di sodio, comunissimo in ogni cucina italiana, permette di ravvivare i colori caratteristici della tessitura, normalmente provati dall’ utilizzo quotidiano.

Dopo aver cosparso la superficie in modo abbastanza uniforme, è sufficiente aspirare, strofinando, tramite l’apposita spazzola in dotazione con l’elettrodomestico.

In caso si presentino macchie più resistenti ai classici rimedi, è possibile ricorrere a soluzioni più forti: un composto morbido ricavato da sapone di Marsiglia, bicarbonato di sodio, acqua calda e aceto, aromatizzato da oli essenziali a propria scelta, si rivela la soluzione ideale per procedere con la pulizia. Non appena il composto, precedentemente disposto uniformemente sul tappeto, risulterà secco, è sufficiente procedere aspirando i residui.

Dopo avere adeguatamente smacchiato e igienizzato il tappeto che si intende ritirare in vista dell’estate, è indispensabile porgere un occhio di riguardo alla conservazione al fine di evitare spiacevoli inconvenienti come l’invasione delle tarme.

Sapendo che acari e polveri si insinuano anche tra le fibre del tappeto, è indispensabile aspirare il complemento d’arredo anche dal rovescio della trama: in questo modo si sarà certi di avere eliminato ogni residuo.

Riporre in modo consono il tappeto, arrotolandolo, garantirà un ottimo mantenimento evitando le antiestetiche pieghe. Infine, conservarlo in apposite confezioni in cotone leggero, che garantiscono il ricircolo d’ aria, permetterà un risultato eccellente e pronto all’utilizzo, in previsione dei periodi freddi.

Come Conservare i Tappeti durante l’Estate ultima modifica: 2016-06-28T00:00:00+02:00 da Katia

Katia

Amante dello stile moderno, anche se non disdegna quello classico, è autrice di molti articoli sul blog. Si occupa principalmente delle nuove tendenze in fatto di arredamento.