Abbinare i mobili ai colori delle pareti: scopri come fare!

Per creare armonia in un ambiente domestico, rendendolo anche originale e personalizzato, è fondamentale abbinare i colori dei mobili con quelli delle pareti.

Si può giocare con i colori per dare personalità ad una stanza, ma bisogna rispettare regole precise se si vogliono valorizzare gli spazi in modo armonico, evitando effetti esteticamente poco riusciti.  

Nella scelta dei colori delle pareti e dei mobili è necessario trovare un equilibrato connubio emotivo-funzionale che soddisfi l’estetica senza dimenticare la praticità e che assecondi i gusti personali senza però scontrarsi con le regole fondamentali che riguardano i corretti abbinamenti.

Le regole per le combinazioni giuste

La cosa più difficile è individuare il giusto accostamento cromatico, riuscendo a dare un tocco innovativo e cool per non risultare banali o scontati.

Una regola fondamentale è partire da un colore base a cui abbinare due o al massimo tre colori. È necessario prendere come punto di riferimento il colore delle pareti, che costituisce il 60% dello spazio all’interno di una stanza.

Al colore delle pareti andranno abbinati quelli del pavimento, dei mobili e dei complementi d’arredo, cercando di sceglierli in base alla gradazione cromatica, affinchè le sfumature di colore creano un evidente effetto ottico, dal forte impatto estetico. Questo effetto risulta tanto più armonioso ed equilibrato quanto più si sceglie una colorazione più chiara per le pareti, una un po’ più scura per il pavimento e una più accesa per i mobili e i complementi.

Un’alternativa alla gradazione cromatica può essere l’accostamento di colori complementari o a contrasto, purché armoniosi tra loro. Su una parete dal colore acceso, come un rosso o un bordeaux, si abbinano mobili bianchi o panna. Invece, su una parete bianca sono i mobili scuri a creare una soluzione originale, e, ancora, su uno sfondo color sabbia una soluzione interessante è rappresentata da mobili dai colori vivaci e moderni come l’arancione o il lilla.

La scelta cromatica e gli abbinamenti giusti

Seguendo la regola generale che è preferibile optare per pareti dai colori chiari, per gli ambienti dedicati ad attività che richiedono concentrazione e colori scuri per le stanze dove ci si può rilassare, vediamo le caratteristiche dei colori e i loro abbinamenti.

  • Il bianco è il colore neutro per eccellenza, che conferisce all’ambiente un effetto leggero, pulito, luminoso ed elegante. Come tutti i colori chiari, si può abbinare a qualsiasi tipo di arredo, sia classico che moderno. Per non appiattire la fisionomia dell’ambiente, si può dare un tocco di design utilizzando una tinta forte per una sola parete e abbinando a quella tinta anche i complementi d’arredo come le tende, oppure i dettagli come i decori architettonici.
  • Il nero è il colore classico e sempre di moda per i mobili, non è adatto per tinteggiare le pareti, ma può essere utilizzato per sottolineare dettagli architettonici su una parete di colore rosa, bianco, oro o argento.
  • Il giallo è, invece, il colore della vitalità, perfetto per le pareti della cucina o del soggiorno e si abbina molto bene con mobili in legno o laccati di colore bianco.
  • Il viola o il rosa sono ideali per le pareti della camera da letto (soprattutto nella tonalità glicine, cipria e rosa antico) e si abbinano con un arredamento di colore bianco, nero o in legno sbiancato.
  • Il verde è il colore della cucina o del bagno che va abbinato rigorosamente con mobili in legno.
Abbinare i mobili ai colori delle pareti: scopri come fare! ultima modifica: 2016-05-04T11:30:22+00:00 da Flavio

Flavio

Coniuga la sua passione per la scrittura con quella per l'arredamento. Adora scrivere, fornendo consigli utili ai propri lettori.